AA

Lingua facile

Affinché tutti possano capire

Facile da leggere”, “lingua facile”, “linguaggio semplificato”, “easy to read”, sono diverse le modalità di definizione di questo linguaggio facilitato, ma in cosa consiste esattamente? 

“Il linguaggio “Easy to read” (facile da leggere) consiste nella semplificazione dei concetti e nell’uso di parole facilmente comprensibile da chiunque. Comunicare con questo linguaggio significa produrre le informazioni in formato accessibile ed usare mezzi di comunicazione prodotti fruibili da più ampio numero di persone possibili, come ad esempio le persone con disabilità intellettiva e/o relazionale, ma anche bambini o non madrelingua.Ciò nel rispetto del diritto di tutte le persone, anche quelle con disabilità, ad avere accesso alla formazione ed informazione, con gli opportuni adattamenti necessari, come sancito -in particolare- dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (…). Riferendosi nello specifico all’art. 9 -Accessibilità- secondo cui:“Al fine di consentire alle persone con disabilità di vivere in maniera indipendente e di partecipare pienamente a tutti gli ambiti della vita, gli Stati parte devono prendere misure appropriate per assicurare alle persone con disabilità, su base di uguaglianza con gli altri, l’accesso all’ambiente fisico, ai trasporti, all’informazione e alla comunicazione, compresi i sistemi e tecnologie di informazione e comunicazione, e ad altre attrezzature e servizi aperti od offerti al pubblico, sia nelle aree urbane che nelle aree rurali. (…).” (www.anffasbrescia.it)

Rendere le informazioni maggiormente accessibili utilizzando un linguaggio semplificato, non indica la volontà di sostituire o impoverire la lingua italiana, ma introdurre uno strumento aggiuntivo e di supporto, per le persone che presentano difficoltà di lettura, che ha l’obietto di produrre informazioni facili da leggere e comprensibili per tutti, favorendo così, una concreta possibilità di partecipazione attiva da parte della popolazione tutta alla vita di comunità.

In Svizzera, circa 800'000 persone presenta difficoltà di lettura. Per queste persone, più un testo è complicato e meno è facile da capire. Con lo scopo di garantire l'accesso ad informazioni, servizi e alle strutture, senza barriere, Pro Infirmis, che come atgabbes promuove una società inclusiva, ha creato un Servizio di Lingua facile nelle tre lingue nazionali, basandosi sulle regole realizzate da Inclusion Europe (progetto europeo: www.easy-to-read.eu).

Durante gli ultimi anni in particolare, la nostra Associazione ha dedicato grande spazio al tema dell’inclusione, attivando processi inclusivi all'interno di tutti i settori e attività proposte. La scelta del linguaggio da utilizzare rientra tra i percorsi inclusivi promossi. La cultura passa anche attraverso il linguaggio e, con le nostre scelte, la collaborazione con i diversi servizi presenti sul territorio e l’applicazione di questo strumento innovativo, auspichiamo ad attivare sempre di più, anche se a piccoli passi, azioni in un’ottica inclusiva.

A proposito, vi segnaliamo alcuni testi tradotti in Lingua facile.

 

 

Mappa del sito